Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

“VIAGGIO DENTRO LA MENTE”

(Conoscere il cervello per tenerlo in forma)

di PIERO ANGELA

MONDADORI  2014

 

Franco Vicentini

 

I recenti studi sul cervello sono molto avanzati.  Piero Angela, nel suo ultimo libro “Viaggio dentro la mente”, ci spiega cosa dicono le ultime scoperte scientifiche sulla mente umana e ci offre molte indicazioni pratiche, come suggerisce il sottotitolo, per “Conoscere il cervello e tenerlo in forma”.

  

Oggi conosciamo molte più cose del passato sulla crescita e sulle potenzialità del cervello. Sappiamo che nei primi anni di vita, come si legge a pag. 24, “è fondamentale il rapporto affettivo con la mamma per lo sviluppo del linguaggio, della curiosità esplorativa, della capacità di associare cose e idee, e in definitiva dell’intelligenza”. In altre parole, se con i primi insegnamenti una mamma oltre l’amore sa anche dare un’educazione superiore, mette i propri figli in una condizione intellettiva vantaggiosa rispetto ai bambini che nascono e crescono in un ambiente sfavorito.  Ad esempio il linguaggio è strettamente legato allo sviluppo del pensiero. E’ noto:  più parole più idee.

 

Si è scoperto che la creatività dipende soltanto il 20-25 per cento dalla costituzione genetica.  E’ chiara quindi l’importanza dell’ambiente e dell’educazione nel plasmare il rimanente 75-80 per cento.  Chi ha la fortuna di  avere una mamma A sviluppa più capacità di associare idee e cose diverse e lontane tra loro. Inoltre sviluppa una maggiore osservazione e l’abitudine a sperimentare.  Sa anche porsi domande in ogni occasione e per ogni problema o teoria politica, sociale o religiosa.

 

Gli ultimi studi ci dicono che il cervello possiede due emisferi con specializzazioni diverse:  quello sinistro funziona più per l’analisi, quello destro più per la sintesi;  ma entrambi sono necessari per  le nostre astrazioni e le creazioni.  Quindi per definire un’intelligenza bisogna tener conto di molte qualità cerebrali:  talenti artistici, capacità intellettuali (queste ultime non sono misurabili), creatività, leadership, ecc.  Sono importanti le memorie create da noi stessi: in altre parole, oggi possiamo dire che la riflessione, l’immaginazione, l’elaborazione delle idee possono creare nel nostro cervello un archivio nuovo, che noi stessi abbiamo costruito. 

 

Il libro inoltre analizza moltissimi altri argomenti legati alla nostra mente:  il mondo dei sogni, i poteri del cervello, le leve del comportamento, l’egoismo e l’altruismo, come tenere in forma la mente e infine quanto la nostra libertà è condizionata dai nostri limiti cerebrali.  

Articolo inviato Lodovico Mazzero il giorno 18/11/2014 alle ore 20:35


Invia un commento


Scrivi 571 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su