Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

Storia della Filosofia Occidentale
e dei suoi rapporti con le vicende politiche e sociali dall' antichità ad oggi

Betrand Russell1

INIZIO TERZA PARTE

La filosofia del Medioevo non è un esatto specchio dei tempi, ma soltanto di ciò che pensava un partito. Tra gli ecclesiastici però, e particolarmente tra. i frati francescani, un certo numero, per varie ragioni, era in disaccordo con il Papa. In Italia, inoltre, la cultura si estese alla laicità alcuni secoli prima che a settentrione delle Alpi. Federico II, che cercò di fondare una nuova religione, rappresenta la punta estrema della cultura antipapale; Tommaso d'Aquino, che nacque nel regno di Napoli dove imperava Federico II, rimane fino ad oggi il classico esponente della filosofia papale. Dante, una cinquantina di anni dopo, raggiunse una sintesi e dette l'unica esposizione organica di tutto il mondo delle idee medioevali. Dopo Dante, per ragioni sia politiche che intellettuali, la sintesi medioevale si spezzò. Essa aveva, finché durò, qualità di accuratezza e di rifinitura miniaturistica; tutto ciò di cui il sistema prendeva conoscenza trovava il suo posto con precisione ed era messo in relazione con gli altri componenti di questo cosmo così ben delimitato. Ma il Grande Scisma, il movimento dei Concili ed il Papato del Rinascimento portarono alla Riforma, che distrusse l'unità del Cristianesimo e la teoria scolastica del governo che si accentra nel Papa. Nel periodo del Rinascimento, le nuove conoscenze, sia intorno all'antichità che intorno alla superficie terrestre, fecero sì che gli uomini si stancassero dei sistemi, che apparivano come prigioni mentali. L'astronomia copernicana assegnava alla terra e all'uomo una posizione più umile di quella che aveva goduto nella teoria tolemaica. L'amore per i fatti nuovi prese il posto, tra gli uomini intelligenti, dell'amore per il ragionamento, l'analisi e la sistematizzazione. Benché in arte il Rinascimento sia ancora ordinato, nel pensiero preferisce un grande e fruttuoso disordine. Sotto questo aspetto, Montaigne è il più tipico esponente dell'epoca. Nella teoria della politica (come in tutto fuorché nell'arte) si ebbe un collasso dell'ordine. Il Medioevo, per quanto turbolento, fu dominato in pratica, nel campo del pensiero, dalla passione per la legalità e da una teoria molto esatta del potere politico. Tutto il potere viene in ultima analisi da Dio; egli ha delegato il potere al Papa per le cose sacre e all'Imperatore per le questioni secolari. Ma il Papa e l'Imperatore persero entrambi la loro importanza durante il XV secolo. Il Papa divenne semplicemente uno dei prìncipi italiani, impegnato in un gioco politico incredibilmente complicato e senza scrupoli, mirante al dominio della penisola. Le nuove monarchie nazionali in Francia, Spagna ed Inghilterra godevano nei loro territori di un potere in cui né il Papa, né l'Imperatore potevano interferire. Lo Stato nazionale, largamente dovuto alla polvere da sparo, acquistò un'influenza sui pensieri e sui sentimenti degli uomini, che non aveva avuto prima e che progressivamente distrusse ciò che restava della fede romana nell'unità della civiltà. Questo disordine politico trovò la sua espressione nel Principe di Machiavelli. In mancanza di qualsiasi principio-guida, la politica diviene una lotta aperta per il potere. Il Principe dà degli astuti suggerimenti su come condurre con successo questo gioco. Ciò che era accaduto nella grande epoca della Grecia accadde di nuovo nell'Italia del Rinascimento. I freni morali tradizionali scomparvero, perché venivano associati alla superstizione; la liberazione dalle catene rese gli individui energici e creativi, producendo una rara fioritura di geni; ma l'anarchia e la slealtà, che inevitabilmente risultarono dalla decadenza della morale, tesero gli italiani collettivamente impotenti, ed essi caddero, come i greci, sotto il dominio di nazioni meno civili, ma non cosí prive di coesione sociale. Il risultato però fu meno disastroso che nel caso della Grecia, perché le nazioni divenute ora potenti, ad eccezione della Spagna, si mostrarono altrettanto capaci degli italiani di insigni conquiste. Dal XVI secolo in poi, la storia del pensiero europeo è dominata dalla Riforma. La Riforma fu un moto complesso e multiforme, e dovette il suo successo ad una grande varietà di cause. Innanzi tutto fu una rivolta delle nazioni nordiche contro il rinnovato dominio di Roma. La religione era la forza che aveva sottomesso il Nord, ma la religione in Italia era decaduta: il Papato restava come istituzione e riscuoteva un enorme tributo dalla Germania e dall'Inghilterra; ma queste nazioni, pur essendo ancora pie, non potevano sentire rispetto per i Borgia o per i Medici, che affermavano di salvare le anime del Purgatorio in cambio di moneta contante, che poi scialacquavano nel lusso e nell'immoralità. Motivi nazionali, motivi economici e motivi morali, tutto cooperava a rafforzare la rivolta contro Roma. Inoltre i prìncipi si accorsero presto che, se la Chiesa nei loro territori fosse divenuta veramente nazionale, essi sarebbero stati in grado di dominarla, e sarebbero divenuti molto più potenti in casa loro di quanto non fossero stati quando dividevano il dominio con il Papa. Per tutte queste ragioni, le innovazioni teologiche di Lutero furono ugualmente bene accette ai governanti e ai popoli, in gran parte dell'Europa settentrionale. La Chiesa cattolica aveva tre sorgenti: la sua storia sacra era ebrea, la sua teologia greca, il suo governo e la sua legge canonica, almeno indirettamente, romani. La Riforma respingeva gli elementi romani, attutiva gli elementi greci, e insisteva fortemente sugli elementi giudaici. In tal modo cooperò con le forze nazionali, che stavano disfacendo il lavoro di coesione sociale che era stato compiuto prima dell'Impero romano e poi dalla Chiesa romana. Nella dottrina cattolica la rivelazione non terminava con le Scritture, ma continuava di età in età per tramite della Chiesa, alla quale l'individuo aveva il dovere di sottomettere le sue opinioni personali. I protestanti, al contrario, negavano che la Chiesa fosse il veicolo della rivelazione: la verità andava cercata soltanto nella Bibbia che ciascuno poteva interpretare per proprio conto. Se gli uomini differivano nelle loro interpretazioni, non c'era alcuna autorità divinamente investita che potesse decidere nella disputa. In pratica, lo Stato reclamava il diritto che prima era appartenuto alla Chiesa, ma questa era solo un'usurpazione; secondo la teoria protestante, non avrebbero dovuto esserci intermediari terreni tra l'anima e Dio. Gli effetti di questo passaggio furono importanti; la verità non si raggiungeva più consultando un'autorità, ma andava raggiunta attraverso la meditazione introspettiva. Ci fu una tendenza rapidamente sviluppantesi verso l'anarchia in politica e verso il misticismo in religione, che fino allora si era sempre insinuato con difficoltà nell'ossatura dell'ortodossia cattolica. Non ci fu un solo protestantesimo, ma una moltitudine di sètte, non una sola filosofia opposta alla scolastica, ma tante quanti erano i filosofi, non, come nel XIII secolo, un Imperatore opposto al Papa, ma un gran numero di re eretici. Il risultato, nel campo del pensiero come nella letteratura, fu un sempre più profondo soggettivismo, operante al principio come una totale liberazione dalla schiavitù spirituale, ma che certamente portava verso un isolamento individuale, nemico della sanità sociale. La filosofia moderna comincia con Cartesio, la cui certezza fondamentale è l'esistenza di se stesso e dei suoi pensieri, da cui si deduce il mondo esterno. Questo fu soltanto il primo stadio di una linea di sviluppo, che attraverso Berkeley e Kant arriva a Fichte, per cui la realtà è soltanto un'emanazione dell'io. Si era giunti alla follia, e da questo estremo la filosofia sta tentando ancora di rifugiarsi nel mondo del senso comune. Con il soggettivismo in filosofia va sotto braccio l'anarchia in politica. Già durante la vita di Lutero, importuni e sconfessati discepoli avevano sviluppato la dottrina dell'anabattismo, che per un certo tempo dominò nella città di Münster. Gli anabattisti ripudiano tutta la legge, perché ritengono che l'uomo giusto venga guidato in ogni momento dallo Spirito Santo, che non può essere legato da norme. Da questa premessa si arriva al comunismo e alla promiscuità dei sessi; perciò furono sterminati dopo un'eroica resistenza. Ma la loro dottrina, in forme più attenuate, si diffuse in Olanda, in Inghilterra e in America; storicamente, qui è l'origine del quaccherismo. Una più violenta forma di anarchia, non più connessa con la religione, si manifesta nel XIX secolo. In Russia, in Spagna, ed in grado minore in Italia, ebbe un considerevole successo e fino ad oggi resta uno spauracchio delle autorità americane di immigrazione. Questa forma moderna, benché antireligiosa, conserva ancora molto dello spirito dei primi protestanti; ne differisce soprattutto nel dirigere contro i governi secolari l'ostilità che Lutero dirigeva contro i Papi. Il soggettivismo, una volta avuta via libera, non poteva essere racchiuso entro dei limiti, finché non avesse seguito il suo corso. Nel campo morale, l'enfasi protestante intorno alla coscienza individuale era essenzialmente anarchica. Gli usi e le consuetudini erano così forti che, eccettuate occasionali esplosioni come quella di Münster, i discepoli dell'individualismo in etica continuarono ad agire in maniera convenzionalmente virtuosa. Ma si trattava di un equilibrio precario. Nel XVIII secolo il culto della ``sensibilità'' cominciò a romperlo: un' azione era ammirata non per le sue buone conseguenze o per il suo conformarsi a un codice morale, ma per le emozioni che ispirava. Da questa attitudine si sviluppò il culto dell'eroe, quale fu espresso da Car1yle e da Nietzsche, e il culto byroniano della passione violenta, non importa di quale natura. Il movimento romantico in arte, in letteratura e in politica è strettamente legato a questa maniera soggettivistica di giudicare gli uomini, non come membri di una comunità, ma come oggetti esteticamente gradevoli da contemplare. Le tigri sono più belle delle pecore, però noi le preferiamo dietro le sbarre. Il romantico tipico toglie le sbarre, e si gode i magnifici balzi con cui la tigre annienta le pecore. Egli esorta gli uomini ad immaginarsi come tigri, e quando ci riesce i risultati non sono del tutto piacevoli. Contro le forme più insane del soggettivismo, nei tempi moderni si sono avute varie reazioni. Prima una filosofia di compromesso: la dottrina del liberalismo, che tentò di determinare le rispettive sfere del governo e dell'individuo. Nella sua forma moderna questo comincia con Locke, che si oppone all' ``entusiasmo'' (l'individualismo degli anabattisti) come anche alla autorità assoluta e alla cieca sottomissione alla tradizione. Una più completa rivolta fa capo alla' dottrina della statolatria, che attribuisce allo Stato la posizione che il Cattolicesimo attribuiva alla Chiesa o anche, talvolta, a Dio. Hobbes, Rousseau ed Hegel rappresentano differenti fasi di questa teoria e le dottrine si impersonano praticamente in Cromwell, in Napoleone e nella Germania moderna. Il comunismo, in teoria, è molto lontano da tali filosofie, ma tende in pratica ad un tipo di comunità molto simile a quella risultante dalla statolatria. Durante questo lungo periodo di sviluppo, dal 600 a.C. ai giorni nostri, i filosofi si sono divisi in quelli che volevano stringere i legami sociali e quelli che volevano allentarli. A questa differenza se ne sono aggiunte altre. I propugnatori della disciplina hanno sostenuto un sistema dogmatico, vecchio o nuovo che fosse, e sono stati quindi spinti ad essere in maggiore o minore misura ostili alla scienza, dato che i loro dogmi non potevano essere dimostrati empiricamente. Essi hanno invariabilmente insegnato che la felicità non è il bene, ma che bisogna preferire ``la nobiltà'' o ``l'eroismo''. Hanno avuto in simpatia ciò che vi è di irrazionale nella natura umana, dato che si sono sentiti in dovere di essere nemici della coesione sociale. I libertari, d'altra parte, ad eccezione degli estremisti anarchici, hanno finito con l'essere scientifici, utilitari, razionalisti, ostili alle violente passioni, nemici di tutte le forme più profonde di religione. Questo conflitto esisteva in Grecia prima che sorgesse ciò che noi indichiamo col nome di filosofia, ed è già del tutto esplicito nel primitivo pensiero greco. Sotto mutevoli forme, è continuato fino al giorno d'oggi e non v'è dubbio che durerà per molte epoche a venire. è chiaro che in questa disputa ciascun partito (come in tutto ciò che dura per lunghi periodi di tempo) ha in parte ragione, in parte torto. La coesione sociale è una necessità e l'umanità non è riuscita a realizzare la coesione con argomenti puramente razionali. Ogni comunità è esposta a due opposti pericoli: da una parte la mummificazione, attraverso l'eccessiva disciplina e l'eccessivo rispetto per la tradizione; dall'altra parte la dissoluzione e l'assoggettamento alla conquista straniera, attraverso l'accrescersi di un individualismo e di una indipendenza personale che rendono impossibile la collaborazione. In generale le civiltà importanti cominciano con un sistema rigido e superstizioso, che gradualmente si rilassa e che ad un certo punto conduce ad un periodo di brillanti geni, mentre il buono della vecchia tradizione permane ed il male inerente al suo dissolversi non si è ancora sviluppato. Ma allorché il male si manifesta, esso porta all'anarchia e poi inevitabilmente ad una nuova tirannide, che produce una nuova sintesi rafforzata da un nuovo sistema dogmatico. La dottrina del liberalismo è un tentativo di sfuggire a questo ricorso senza fine. L'essenza del liberalismo è un tentativo di assicurare un ordine sociale non basato su dogmi irrazionali, tale da instaurare la stabilità senza per altro implicare maggiori limitazioni di quante non siano necessarie per la conservazione della comunità stessa. Se questo tentativo possa riuscire, solo il futuro è in grado di dirlo.

FINE



Footnotes

... Russell1
Traduzione di Luca Pavolini
... URSS2
Nel 1946, nota del curatore
... Apostoli3
Tale teoria non era sconosciuta nei tempi antichi. È asserita, per esempio, nell'Antigone di Sofocle. Ma prima degli stoici erano pochi quelli che la professavano.
... Costantinopoli4
Ecco perché il cittadino sovietico moderno non pensa che si debba obbedire al materialismo dialettico piuttosto che al partito.



Flavio Sartoretto 2006-06-04

Articolo inviato Delogu L. il giorno 07/06/2006 alle ore 00:25


Invia un commento


Scrivi 57 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su