Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

CORRADO AUGIAS - REMO CACITTI   “INCHIESTA SUL CRISTIANESIMO”

MONDADORI  2008

 

Eripac

 

“Inchiesta sul Cristianesimo”, sottotitolo:  “Come si costruisce una religione”, nasce da un lungo dialogo tra Corrado Augias e Remo Cacitti  docente di Letteratura cristiana antica e Storia del cristianesimo antico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano.

 

Il libro si apre con una premessa di Corrado Augias, la quale, se fosse diffusa, cambierebbe il volto del cristianesimo.  Ecco una parte della premessa:  “Gesù non ha mai detto di voler fondare una religione, una Chiesa, che portassero il suo nome; mai ha detto di dover morire per sanare con il suo sangue il peccato di Adamo ed Eva, per ristabilire cioè l’alleanza fra Dio e gli uomini;  non ha mai detto di essere nato da una vergine che lo aveva concepito per intervento di un dio;  non ha mai detto di essere unica e indistinta sostanza con suo padre, Dio in persona, e con una vaga entità immateriale denominata Spirito.  Gesù non ha mai dato al battesimo un particolare valore;  non ha istituito alcuna gerarchia ecclesiastica finchè fu in vita.  Gesù era ebreo, e lo è rimasto per sempre”.

 

Le domande di Augias allo studioso del cristianesimo antico sono quelle che ogni persona intelligente, soprattutto se credente, dovrebbe fare qualora desideri conoscere meglio la sua religione.  Ad esempio pochi cristiani sono a conoscenza che, dopo l’editto dell’imperatore Costantino (313 d.C.) i cristiani entrarono nelle alte gerarchie dello Stato romano e da perseguitati divennero persecutori.  Un solo esempio: soltanto pochi decenni dopo, sotto l’imperatore Teodosio, i vecchi culti pagani furono banditi e pene severe, compresa quella capitale, furono previste per chi avesse continuato a osservarli. 

 

Molti dogmi, accettati anche da persone colte, vengono messi in discussione in questo lungo dialogo tra Cacitti e Augias.  Viene messo in dubbio anche il peccato originale e le sue conseguenze sull’umanità.  A pagina 328  Augias chiede: “Come è possibile che l’umanità intera debba scontare, una generazione dopo l’altra, il peccato originale di Adamo?”.  In sostanza questo libro ci dimostra che tutti i dogmi che tengono in piedi la religione cristiana furono costruiti dopo la morte di Gesù.

 

Il cristianesimo delle origini non ebbe la vita facile.  Ci furono decine di interpretazioni, spesso represse con la violenza dai vescovi che avevano l’appoggio degli imperatori.  Come nel caso dell’imperatore Costantino che appoggiò i vescovi che decisero per alcuni dogmi che ancora conosciamo e per la scelta dei quattro Vangeli canonici su una trentina di vangeli che esistevano in quell’epoca.   Fra le molte “eresie” (eresie solo perché furono sconfitte dalla forza delle armi), trovo interessante quella degli  gnostici  i quali ritenevano che la creazione fosse opera di un dio malvagio, opposto al Dio della redenzione.  Se ne deduceva che Eva era positiva perché aveva disobbedito al dio della creazione.

 

 

Articolo inviato Lodovico Mazzero il giorno 28/07/2013 alle ore 17:40


Invia un commento


Scrivi 555 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su