Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

Italiani i peggiori nell'isolamento termico


da newsletter di www.cabox.com


Il Belpaese spreca oltre il 40% di energia. Per la Settimana Amica del Clima Legambiente e Isolando in 200 piazze italiane diffondono i vantaggi dell'isolamento termico e acustico


In Europa l'Italia è fanalino di coda per l'isolamento degli edifici seguito da Turchia, Slovacchia e Polonia. Una leggerezza che determina uno spreco di energia di oltre il 40%, con conseguenze enormi per l'inquinamento ambientale. Per 7 italiani su 10 tale dispendio è dovuto principalmente alla disinformazione.
A confermarlo è un'indagine di Isolando, partner di Legambiente nella Settimana Amica del Clima. Secondo il sondaggio condotto da Astra Ricerche, su un campione rappresentativo di 32.800.000 italiani tra i 25 e i 64 anni, lo scarso impegno per l'isolamento termico ed acustico è dovuto soprattutto alla disinformazione sul tema (70,5%), poi al costo dell'intervento (60%), quindi alla difficoltà di reperire dei tecnici qualificati (30,4% ) e di ottenere le detrazioni (29,9%). Eppure di fronte alla scelta di un'abitazione il 79,6% degli intervistati considera molto importante l'isolamento termico e una casa senza dispersioni e il 64% l'isolamento acustico.
«La ricerca che per la prima volta ha esplorato l'interesse degli italiani verso questo tema - commenta Enrico Finzi, Presidente di Astra - ci ha fornito un dato interessante: il 71,3% ha sentito parlare di isolamento termico e acustico e, fra queste persone più sensibili, quasi il 90% ritiene che isolare sia un ottimo investimento perché consente di ridurre i consumi, risparmiare sui costi energetici e aumentare il valore della propria casa».

I dati confermano le finalità della Campagna Isolando, un progetto di sensibilizzazione sulla possibilità di risparmiare energia e guadagnare benessere, riducendo le emissioni di CO2 dovute al riscaldamento e al condizionamento degli edifici e diminuendo l'inquinamento acustico, una delle maggiori cause di stress dei nostri giorni. Ecco perché Legambiente, in occasione della quarta edizione della Settimana Amica del Clima, la campagna realizzata con il contributo di Italgest sugli effetti dei mutamenti climatici e le buone pratiche utili a diminuire le emissioni di gas serra, ha scelto di unirsi a Isolando per affrontare approfonditamente il risparmio di energia in ambito domestico.

«Nell'articolato percorso del risparmio energetico, l'isolamento termico e acustico rivestono un ruolo fondamentale ed è per questo che abbiamo scelto di collaborare con la campagna Isolando - dichiara Rossella Muroni, Direttrice Generale di Legambiente -. Spesso, quando si pensa all'inquinamento, si tende ad associare lo smog solo agli scarichi delle automobili, mentre gran parte delle emissioni dei gas serra, nelle nostre aree urbane, deriva dalla scarsa efficienza energetica degli edifici, causata prevalentemente dall'assenza di sistemi di isolamento adeguati ed un utilizzo poco razionale degli impianti di condizionamento e
riscaldamento delle abitazioni».

«Nell'acquisto di una casa nuova solo pochi sanno che si deve ricevere un attestato di qualificazione energetica, in Lombardia già obbligatorio per gli interi edifici, e che a partire dal 2009 lo sarà in tutta Italia anche per i singoli appartamenti, sempre in caso di un passaggio di proprietà - afferma Giuliano Dall'O', Professore di Fisica Tecnica Ambientale presso il Dipartimento Best del Politecnico di Milano. L'accesso alle detrazioni del 55%, confermato anche dalla Finanziaria 2008, è ancora estremamente limitato, senza dubbio anche a causa delle difficoltà di avere tecnici certificatori e di saper accedere all'iter per la detrazione».

Articolo inviato Lodovico Mazzero il giorno 21/02/2008 alle ore 16:24


Invia un commento


Scrivi 250 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su