Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

QUAL'E' IL VOSTRO "ORIENTAMENTO" RELIGIOSO?

Tempi duri per i fedeli di religione islamica: una notizia Ansa del 27/07/2007 afferma: "Un giovane saudita, usando Google Earth, ha scoperto che ben 15 moschee della sua città non sono rivolte verso la Mecca. Adesso sorge il sospetto che molti altri luoghi di culto non siano orientati verso la Mecca, come prescrive il Corano. L'orientamento sbagliato compromette infatti la Qibla, che e' la direzione verso cui l'Imam si rivolge durante la preghiera, seguito da tutti i fedeli."

La direzione della Mecca è di fondamentale importanza per la religione islamica dove non solo le cinque preghiere giornaliere sono indirizzate, ma anche l'orientamento delle sepolture nei cimiteri, tutte le offerte sacrificali, la macellazione degli animali, ecc.

Singolare è l'episodio accaduto durante la costruzione del Centro Islamico di Roma: quando il committente si è accorto dell'errato orientamento dell'edificio rispetto la Mecca ha fatto demolire e rifare le fondamenta dell'edificio con l'orientamento corretto. Nel passato (1) la direzione a cui rivolgere la preghiera non è sempre stata questa: " In origine, l'inviato di Allah stava officiando l'orazione di mezzogiorno nella casa di Bishr ibnu Barà, quando a metà dell'orazione, ricevette il ver.144, e abbandonando l'orientamento verso Gerusalemme, si rivolse in direzione della Ka'ba. Giunta la notizia presso le altre comunità, mentre erano riunite in preghiera, l'Imam essendo rivolto a Nord si alzò, risali le file degli oranti per compiere una rotazione di 180° che lo ponesse con la fronte a Sud, rivolta verso la Mecca. Questo fatto provocò un minimo di scompiglio e la gente dovette riallinearsi. Le tradizioni ci hanno riferito questi episodi con grande precisione." (2)

Ora sorge il problema che le preghiere sinora dette dai fedeli di quelle comunità non "correttamente allineate" potrebbero non essere valide! Il castigo per la trasgressione non è poca cosa: l'inferno! Cosa ben più dura da digerire per il fedele è accettare di bruciare nelle fiamme eterne in compagnia di miscredenti ed atei dopo una vita virtuosa, solo per un problema di qualche grado geometrico. La responsabilità dell'errore su chi ricadrà? La divinità ha dato una tolleranza da rispettare nella misurazione dell'angolo? Vanno demoliti e riorientati questi edifici (alcuni d'importanza storica)? Non ci si raccapezza più.

Dopo la "scomparsa" del Limbo per i cattolici, per dirla alla Benigni: "c'è veramente da ringraziare dio d'essere atei ! "

Credo, a questo punto, che "il solito" consiglio di qualche ministro della nostra Repubblica potrebbe rivelarsi provvidenzialmente risolutore: una bella sanatoria, un piccolo indulto, un condono all'italiana con una modesta ammenda … perché no?

Delogu Luigi

 

  1. Rif. "Corano", Sura II (La giovenca), ver.144.
  2. Brano tratto dalle note poste a commento del "Corano" nell'edizione Newton del 1996 a pg.43; la traduzione del testo integrale è stata curata ed approvata dall'Unione delle Comunità e Organizzazioni Islamiche in Italia.

Articolo inviato Delogu L. il giorno 02/08/2007 alle ore 23:31


Invia un commento


Scrivi 203 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su