Pagina inizialePagina iniziale

Ambiente
Circolo
Bertrand Russell
Economia
Filosofia
Siti internet
Politica
Religione
Scienza
Società
Storia
Cerca nel sito >  
powered by FreeFind

Circolo Russell di Treviso su Facebook
Cercaci in FB

Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook

Opus Dei segreta

Una lettera di Giorgio Bragaja al Direttore de “l'Arena” (Verona)

 

            Il Direttore dell'Ufficio Informazioni della Prelatura dell'Opus Dei in Italia, ing. Giuseppe Corigliano, ha scritto una lettera a “l'Arena” per denunciare la parzialità dell'ultimo libro di Ferruccio Pinotti “Opus Dei segreta” che raccoglie alcune drammatiche interviste ad ex appartenenti all'Opus Dei che descrivono e rappresentano assai negativamente tale organizzazione.

L'ing. Corigliano definisce il libro “un po' come un libro su Verona scritto intervistando turisti che hanno litigato col tassista o derubati alla stazione. Legittimo, ma parziale”.

Spiritoso. Però il turista derubato va in Questura e denuncia il fatto e se, per caso, se lo è inventato, passa seri guai.

Così se quelli che nel libro di Pinotti denunciano quel che succede nell'Opus Dei hanno detto il falso dovrebbero essere  accusati di falso e denunciati ma l'ing. Corigliano non dice nulla. Invita invece a leggere altri libri che parlano bene dell'Opus Dei, cioè a sentire l'altra campana. Ma l'altra campana ha suonato a distesa, pochi anni fa, quando il fondatore dell'Opus Dei, Escrivà de Balaguer, è stato fatto santo da Papa Woytila con tempi da primato olimpico.

Vorrei, però, rilevare un aspetto del libro di Pinotti. Tra gli altri documenti riporta un elenco, parzialissimo, dei libri vietati ai “numerari” dell'Opus Dei salvo permesso esplicito della Prelatura.

Papa Montini nel 1966 aveva abolito l'Index Librorum Prohibitorum in vigore dal 1559 ma, subito, l'Opus Dei istituì, ricalcandolo, la sua Guida Bibliografica dei libri vietati. Tra questi, libri di Alfieri, Adorno, Balzac, Bergson, Bobbio, Croce (l'opera completa!), Cartesio, Kundera, Pascal, Pavese, Proust, Roth, Rousseau, Spinoza, Voltaire, Zola.....per non parlare, naturalmente,  di Marx o Gramsci e tanti altri. Ogni commento è superfluo.

Una domanda: da anni tutti, enti, banche, associazioni, partiti, giornali rendono pubblici i loro bilanci. Esiste in qualche parte un bilancio dell'Opus Dei che si possa vedere?

 

Distinti saluti

 

Giorgio Bragaja

                                                                                                                     

 

 

 

 

 

Articolo inviato Lodovico Mazzero il giorno 28/04/2007 alle ore 19:11


Invia un commento


Scrivi 165 nel campo a lato (obbligatorio)



Testo del commento (max 2000 caratteri)

Scrivi un tuo nick (max 20 caratteri)


Anche per chi invia commenti è utile leggere la seguente pagina.



^torna su

© 2006 Circolo Bertrand Russell circolorussell.it

^torna su